Ernest Jones, “Theory of Symbolism”

“Se prendiamo la parola “simbolismo” nel suo senso più lato, - vediamo che abbraccia quasi tutta l’evoluzione della civiltà.

Cos’è infatti l’evoluzione se non una serie senza fine di sostituzioni evoluzionarie, il sostituirsi incessante di un’idea, un interesse, un’abilità, una tendenza con un’altra o con un altro?
Se consideriamo dal punto di vista genetico il progresso della mente umana, vediamo che esso non consiste – come comunemente si crede – semplicemente in un accumularsi di sovrapposizioni esterne, ma nei due processi seguenti:

da una parte abbiamo un’estensione o trasposizione d’interessi e di comprensione da idee più antiche, più semplici, più primitive, ecc. a idee più difficili e più complesse, che in un certo senso sono una continuazione delle idee precedenti e ne sono il
simbolo;

e dall’altra abbiamo un continuo smascheramento dei simbolismi precedenti – il riconoscimento che questi, prima ritenuti veri letteralmente, a guardar bene non sono che aspetti o rappresentazioni della verità, quegli unici aspetti che - per ragioni affettive o intellettuali – possono, in un dato periodo, presentarsi alla nostra mente.

Basterà pensare, per esempio, all’evoluzione della religione o della scienza per accorgersi della verità di questa descrizione”.
__________________________________________________________________
NOTA BENE: ARCHIVIOARTE non ha alcun fine di lucro. Ogni proposta qui contenuta ha la sola finalità di promuovere la diffusione dell'arte in quanto considerata patrimonio di tutti e per tutti. Ogni iniziativa, ogni azione ed ogni pubblicazione è autoprodotta e diffusa unicamente per amor di cultura e per il convincimento che la sua condivisione ci possa rendere più ricchi spiritualmente e più liberi.
__________________________________________________________________
"È vero, principe, che una volta avete detto che il mondo sarà salvato dalla bellezza?" Dostoevski, L'Idiota
__________________________________________________________________